Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenze cookies

Tre premi per riconoscere contributi di particolare livello da parte di ricercatori, ricercatrici e start-up innovative

Il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale ha istituito tre premi per riconoscere contributi di particolare livello da parte di ricercatori, ricercatrici e start-up innovative:

1) “Premio Farnesina – Italian bilateral scientific cooperation award”.

il premio, giunto alla sesta edizione, è dedicato ad anni alterni a ricercatori senior e junior che si sono distinti nel contesto del Paese in cui operano; per questa edizione, il bando è rivolto a ricercatori under 35. Le candidature saranno esaminate da un Comitato scientifico costituito, oltre che da MUR e MAECI, dai Presidenti dei principali Centri di ricerca e dalla Conferenza dei Rettori delle Universita’ Italiane (CRUI);

2) Premio “L’innovazione che parla italiano”:

Il premio, alla sua sesta edizione, è un riconoscimento dell’alto valore innovativo di startup tecnologiche che operano all’estero e fondate da cittadini italiani. Le candidature verranno esaminate da un Comitato tecnico coordinato da PNI Cube, associazione che riunisce gli incubatori e le “business plan competition” accademiche italiane, nata con l’obiettivo di stimolare la nascita e accompagnare al mercato nuove imprese ad alto contenuto di conoscenza di provenienza universitaria;

3) Premio “Science, She Says!”:

Il premio, quest’anno alla sua seconda edizione, sarà conferito a cinque giovani ricercatrici straniere under 40 provenienti da altrettante aree geografiche (Africa e Medio Oriente; Asia e Pacifico; Europa; America centrale e meridionale; America del Nord), che saranno selezionate da una giuria composta da rappresentanti dei principali enti di ricerca pubblici, del MUR e della CRUI, oltre che del MAECI.